Natale in Spagna

Natale in Spagna

Natale in Spagna

Natale Spagna

Le celebrazioni per il Natale in Spagna iniziano l’8 Dicembre con l’Immacolata Concezione e si protraggono fino al 6 gennaio. Già da novembre le strade delle città spagnole iniziano ad addobbarsi e si respira un’aria che lascia presagire l’arrivo del Natale. Qui le tradizioni abbondano, infatti gli spagnoli, un po’ come gli italiani tengono molto a festeggiare il Natale in modo molto vistoso e tradizionale.

Il Natale in Spagna è particolarmente sentito, tanto che non vi è nessuna città dove le strade non siano colorate e addobbate, e nelle case non manca mai il Presepe.

Ma andiamo con ordine…

L’8 dicembre, si festeggia l’Immacolata, famosa la celebrazione di Siviglia nella stupenda Cattedrale.

Il 22 dicembre, è il giorno della famosissima Lotteria di Natale, avvenimento molto importante che contribuisce alla creazione dell’atmosfera natalizia. L’estrazione inizia la mattina presto e viene trasmessa dalle emittenti radiofoniche e televisive, la lotteria è tra l’altro un grande successo economico e moltissimi sono i biglietti venduti.
Il primo numero estratto, detto “El Gordo” (il grasso) distribuisce considerevoli somme di denaro ai fortunati proprietari del biglietto vincente.
La tradizione nata nella seconda metà del 1700, affida da più di 200 anni il compito di estrarre i biglietti vincenti agli alunni del collegio di San Ildefonso di Madrid

Il 24 dicembre, si celebra la vigilia di Natale:  “Nochebuena”, in questa serata gli spagnoli usano riunirsi per celebrare la cena più importante dell’anno. La tradizione vuole che ci si riunisca a casa dei nonni.
La cena, è molto abbondante e si mangiano piatti davvero deliziosi e tradizionali, che variano a seconda del posto, e sono ad esempio: mariscos, cordero, pavo, jamòn, vino, cava, ed altre specialità della cucina spagnola, con una particolare attenzione ai dolci.
Durante la notte si ascoltano o vengono cantati i villancicos, ovvero i canti natalizi spagnoli.

Finita la cena, che di solito si protrae fino a tardi, avviene lo scambio di doni, che però a differenza nostra, non sono regali consistenti, ma dolci o caramelle.
I doni veri e propri, in Spagna, vengono scambiati il 6 gennaio.


A mezzanotte, è tradizione assistere alla Messa del Gallo che, secondo la tradizione, fu il primo con il suo canto ad annunciare la nascita di Gesú.

Spagna prodotti tipiciIl 25 dicembre, “Navidad“, si festeggia con un banchetto simile a quello della sera prima. Le pietanze classiche del pranzo di Natale spagnolo, sono l’escudella y carn d’olla, una zuppa di verdura e carne e il tacchino con frutta glassata al forno. I dolci tipici sono il torrone e il Polvorones, preparato con limone, cocco e caffè.

Una curiosità, una volta nei Pirenei le massaie preparavano dei panini speciali a forma di sassi, li coronavano di alloro e li facevano benedire il 25 dicembre in memoria della lapidazione di Santo Stefano.

Le celebrazioni, continuano il 28 dicembre, il giorno de Los Santos Innocentes, durante il quale è d’obbligo prendersi in giro e scherzare.

Senza allentare le abbuffate e l’atmosfera festosa, arriva il 31 dicembre: “Nochevieja“, l’ultima notte dell’anno.

Come in Italia, questa festa, di carattere pagano, ha delle tradizioni assolutamente da rispettare, come ad esempio mangiare “las uvas de la suerte”, cioè 12 acini d’uva inghiottiti uno dopo l’altro allo scoccare degli ultimi secondi che indicano la fine dell’anno.

La leggenda narra che nei primi del 900′, a causa di una abbondante produzione di uva, i viticultori, nel tentativo di disfarsi dell’eccedenza, inventarono che consumare questo frutto a fine anno avrebbe portato fortuna.

Altra tradizione, è quella di brindare anche dopo la noche loca, come viene soprannominata dagli spagnoli. Il brindisi, avviene spesso con il Cava, lo spumante nazionale prodotto principalmente in Catalogna.

Prima di andare a dormire, si usa mangiare cioccolata calda con i famosissimi “Churros”

La sera di Capodanno, si usa solitamente mangiare in casa e poi tutti in piazza ad aspettare l’inizio del nuovo anno con brindisi per strada ballando e divertendosi a suon di musica. Particolare l’attesa del nuovo anno a Madrid, dove le campane e l’orologio della piazza di Sol danno il benvenuto all’anno nuovo in un tripudio di baci e abbracci. Davvero stupenda la Nochevieja nella capitale spagnola incantatrice e cosmopolita, che in quei giorni si trasforma in uno spettacolo di luci, fuochi artificiali e manifestazioni musicali.

La sera del 5 gennaio viene organizzata una sfilata nella quale si esibiscono “Los Reyes Magos”, che in tutte le città termina davanti alla sede comunale.
I re magi, attraversano il centro cittadino su elaborati carri allegorici e distribuiscono dolcetti ai bimbi.

Il 6 gennaio solitamente è il giorno dei regali, come in Italia, la tradizione vuole che se i bambini che sono stati bravi durante l’anno ricevano regali. Se invece si sono comportati male, ricevono carbone.

I bambini delle campagne, lasciano dietro la porta di casa le pantofole riempite di biada per i cammelli dei Magi che lasceranno i doni.

Nelle celebrazioni natalizie spagnole i Re Magi svolgono un ruolo di primo piano, più o meno come succede con Babbo Natale in altri paesi.

Il Día de Reyes, i Re Magi portano regali ai bambini spagnoli così come, secondo l’opinione comune, li portarono al neonato Gesù. È in questo giorno che si mangia il famoso “Roscòn de Reyes”, uno dei dolci più antichi di queste feste.

Il 7 gennaio le festività terminano e si torna alla normalità, sicuramente con molta nostalgia…  ma iniziano “Las rebajas“, ossia i saldi, e si scatena di nuovo l’inferno. Una curiosità: presso “El Corte Inglés”, una catena di grandi magazzini si possono riconsegnare i regali e ricaricare una “carta regalo” del prezzo dell’oggetto da spendere durante i saldi, e figuratevi c’è chi restituisce il capo e lo ricompra una volta scontato!

Pochi paesi, possiedono cosi tante tradizioni sia dal punto di vista delle usanze e del Folclore, sia dal punto di vista gastronomico.
Chi ha la fortuna di “fare un giro” in Spagna nel periodo natalizio, potrà davvero vivere appieno questa atmosfera ricca di partecipazione, calore e serenità.